Overview 2013

Iter di valutazione ambientale del Master Plan di Malpensa

SEA ha proseguito nelle analisi connesse all’evoluzione del progetto Master Plan, in costante contatto con ENAC e gli altri enti coinvolti. La procedura di approvazione è stata temporaneamente sospesa a seguito della richiesta da parte di ENAC stessa, stante le necessità di approfondimento connesse alle nuove indicazioni del Piano Nazionale degli Aeroporti in fase di approvazione e alle conclusioni dello Studio d’Area Vasta commissionato da Regione Lombardia ultimato a fine 2013.

Decisione della Commissione Europea concernente gli Aiuti di Stato concessi a favore di SEA Handling

Con decisione del 19 dicembre 2012, la Commissione Europea ha stabilito che gli aumenti di capitale effettuati da SEA a favore della sua controllata SEA Handling, nel periodo 2002-2010 per un importo di circa 360 milioni di Euro, oltre interessi, costituiscono un aiuto di Stato incompatibile con il mercato interno. Tale decisione UE, immediatamente esecutiva, prevedeva che lo Stato Italiano dovesse provvedere al recupero dell’aiuto e garantire l’attuazione della decisione entro quattro mesi dalla data della sua notifica. 

Ad oggi lo Stato Italiano non ha dato attuazione alla decisione avverso alla quale hanno proceduto negli opportuni gradi di giudizio SEA, SEA Handling, il Comune di Milano ed il Governo Italiano stesso, con contemporaneo avvio di tavoli di negoziazione stragiudiziali volti a dirimere la controversia con i minori impatti possibili in termini di onerosità per le parti interessate, consenso sociale sui livelli di impiego del personale, nonché impatti strategici sul coinvolgimento del Gruppo nelle attività di handling e di continuità ed efficienza operativa. 

In tale contesto, nel corso del secondo semestre 2013 e del primo trimestre 2014, sono proseguiti gli incontri di approfondimento del percorso alternativo proposto da SEA Handling e SEA che contemplerebbe sia le esigenze strategiche di mantenimento del coinvolgimento di SEA nella attività di handling, oltre alla continuità e efficienza operativa, sia quelle della Commissione di vedere eseguita la decisione.

Acquisizione dell’Aviazione Generale di Linate 

In data 18 dicembre 2013 il Gruppo, nell’ambito del proprio rafforzamento competitivo, ha acquistato una quota di maggioranza e controllo del 98,34% detenuta dalla Società Acqua Pia Antica Marcia SpA (SAPAM) in Ali Trasporti Aerei ATA SpA, a seguito di espressa autorizzazione del Giudice Delegato ai sensi dell’art. 167 della Legge Fallimentare. Il costo dell’investimento è stato di 25.200 migliaia di Euro. 

Il Gruppo SEA gestirà quindi anche il piazzale ovest dell’aeroporto di Linate che rappresenta, con oltre 24.000 movimenti serviti nel 2012, la principale base italiana di Aviazione Generale e la sesta in Europa per numero di movimenti giornalieri. 

Con la gestione dell’Aviazione Generale, il Gruppo, oltre ad assicurare un importante piano di investimenti, sarà in grado di servire l’intera gamma del traffico business (aviazione commerciale e generale), che costituisce uno dei punti di forza del traffico aereo da e verso Milano. 

L’acquisizione non ha avuto impatti sul risultato economico consolidato, in quanto l’operazione è avvenuta a fine esercizio, mentre ha avuto un impatto sulla composizione delle attività e passività consolidate per effetto della variazione dell’area di consolidamento conseguente all’acquisto dell’interessenza.

Progetto “Developing Sustainability Culture

Nel 2012 è stata avviata l’elaborazione della “Sustainability Vision” e della matrice di materialità di SEA, che rappresenteranno la piattaforma programmatica degli obiettivi strategici, delle policy, degli strumenti e delle risorse attraverso cui gli obiettivi di business verranno coniugati con le tematiche di sostenibilità. L’obiettivo è definire il profilo di “materialità” delle politiche di sostenibilità di SEA, con l’indicazione degli ambiti d’intervento che, nel soddisfare le aspettative degli stakeholder-chiave, risultano maggiormente funzionali alle strategie competitive di SEA.

Il processo di costruzione della “Sustainability Vision” è stato alimentato da interviste al management aziendale, focus group e web discussion rivolti a quadri, impiegati e dipendenti operativi e workshop con il management dedicati ad analisi di benchmarking nei confronti di esperienze evolute di sostenibilità condotte in aeroporti internazionali.

Ottenimento della certificazione ISO 50001 “Energy Management System” 

Nell’ottobre 2013 SEA ha ricevuto la certificazione dell’“Energy Management System” raggiungendo un importante risultato che valorizza il livello di eccellenza di tutte le attività connesse alla gestione energetica. 

Collegamento ferroviario Terminal 1/Terminal 2 di Malpensa 

Nel corso del 2013 l’Unione Europea ha considerato meritevole di co-finanziamento a fondo perduto la realizzazione del collegamento ferroviario fra i due terminal di Malpensa, per un importo pari al 20% del costo complessivo dell’opera. Il link ferroviario di 3,4 chilometri, in gran parte sotterraneo (con una nuova stazione progettata da SEA e il tracciato da Ferrovie Nord), è una infrastruttura compresa fra le opere connesse a Expo e sarà realizzato in 18 mesi. 

SEA si è quindi impegnata nella copertura diretta del progetto per un importo di 16 milioni di Euro e, insieme a Ferrovie Nord, coordina e pianifica le attività finalizzate alla realizzazione dell’infrastruttura. La restante somma necessaria alla realizzazione del collegamento verrà coperta con finanziamenti del Governo italiano (45 milioni di Euro) e della Regione Lombardia (30 milioni di Euro). L’avvio del cantiere è previsto per la seconda metà del 2014.

Inaugurazione terzo satellite Malpensa 1

Il 13 gennaio è stato inaugurato il terzo satellite al terminal di Malpensa 1, una struttura moderna, elegante e luminosa, pronta ad accogliere nuovi aeromobili e passeggeri. Con l’apertura del nuovo satellite, che ha una superficie complessiva di 35.000 m2 di cui 3.000 dedicati alle VIP lounges, la capacità del terminal aumenterà del 50%.

Il satellite porterà Malpensa 1 ad avere 41 pontili mobili (loading bridges) e novità assoluta per gli aeroporti italiani, potrà accogliere contemporaneamente due Airbus A380, imbarcando i passeggeri attraverso tre pontili (uno per il ponte superiore e due per il ponte principale). Di questi, uno collega direttamente la sala VIP della compagnia con l’aeromobile senza dover passare dal gate.

I nuovi loading bridges dispongono di una tecnologia all’avanguardia, che si basa su un meccanismo mobile che permette di regolare l’altezza degli stessi, in modo da poter servire, a seconda delle esigenze, due diversi piani del satellite massimizzandone la flessibilità d’utilizzo.